Hacker Zoom

Zoom sotto attacco: sono state rubate (e messe in vendita) oltre 500mila credenziali

Nei giorni scorsi l'app di videochat Zoom ha subito un brutto attacco informatico: oltre 500mila credenziali dei suoi utenti sono state rubate e messe in vendita sul dark web

Nei giorni scorsi l'app di videochat Zoom, diventata popolare in questo periodo di quarantena per la possibilità di fare videochiamate con tanti partecipanti, ha subito un brutto attacco informatico, in cui sono state rubate le credenziali di oltre 500mila utenti. Le credenziali sono poi state messe in vendita, per pochi centesimi, sul darkweb.

A segnalare l'hackeraggio è stata la società di sicurezza informatica Cyble secondo cui gli hacker sono riusciti ad accedere alle password e ai collegamenti Url di mezzo milione di account già ad inizio aprile. I dati sono poi stati messi in vendita sul dark web al prezzo di 0,002 centesimi di dollari ciascuno.

Alcune credenziali sono invece state addirittura regalate per favorire il diffondersi dello "Zoombombing" (un fenomeno che si sta diffondendo e di cui vi avevamo parlato in questo articolo).

Questo attacco informatico ha fatto leva su una pratica chiamata "credential stuffing" e cioè l'utilizzo, da parte degli utenti, delle stesse credenziali per accedere ad applicazioni diverse.

Per quanto infatti sia scomodo avere una password diversa per ogni applicazione è molto importate che le credenziali vengano, di volta in volta, personalizzate e cambiate con cadenza almeno semestrale.

Zoom intanto ha richiesto ai suoi utenti di cambiare urgentemente le password e noi consigliamo, qualora abbiate un account Zoom e abbiate usato come credenziale una password che utilizzate anche su altre applicazioni, di cambiare anche quella nelle alte app.

Zoom ha evidenziato già dagli inizi della sua diffusione diversi problemi di privacy, a cui vanno aggiunti quindi questi hackeraggi e l'accusa, circolata alcuni giorni fa, di violare ulteriormente la privacy degli utenti inviando i loro dati in Cina. A seguito di queste voci alcune istituzioni internazionali (come il Senato USA) e grandi aziende (come Space X e Google), hanno vietato ai propri dipendenti di usarla.

Il CEO di Zoom ha intanto annunciato che sono state arruolate diverse società di intelligence per indagare sull'accaduto e ha deciso di riabilitare la propria immagine affidandosi ad Alex Stamos, ex capo della sicurezza di Facebook ed oggi docente presso la Standford University.

Nel caso in cui voleste sapere se in vostro indirizzo mail è inserito in qualche database di credenziali rubate, uno strumento può essere: pwd query.

 

logo sito

Viale Svezia 16 - 35020 Ponte San Nicolò (PD)

P. IVA/C.F. 03719260287
Registro Imprese di Padova
n. 03719260287
Numero R.E.A 331324

Codice SDI fatturazione:  T04ZHR3
(il secondo carattere è uno zero)

Tel. (+39) 049.7309 333
 

Modifica il tuo consenso ai cookie

ASSISTENZA

Il servizio di supporto e assistenza è attivo dal lunedì al venerdì dalle:
09:00 - 13:00
14:00 - 16:00

Eventuali interventi presso il cliente vanno concordati.

CERCA NEL SITO

©2020 TECSIS S.r.l. All Rights Reserved.

Search